fbpx

VERTIGINI, NAUSEA, PERDITA DELL’UDITO E ACUFENI

NUMEROSI DISTURBI DELL‘ORECCHIO INTERNO CAUSANO CAPOGIRI O VERTIGINI, NAUSEA, PERDITA DELL’UDITO E ACUFENI (RONZII E SIBILI NELLE ORECCHIE). SEBBENE I SINTOMI POSSANO VARIARE DA UN PAZIENTE ALL‘ALTRO, VI È SPESSO UN LEGAME COMUNE TRA DISTURBI DELL’ORECCHIO INTERNO E LESIONI O TRAUMI ALLA COLONNA CERVICALE SUPERIORE (COLLO).

Disturbi dell’orecchio interno

Esistono numerosi disturbi che si manifestano come disfunzioni del sistema acustico e vestibolare pur in assenza di un danno sostanziale nell’orecchio come organo o nelle aree del cervello deputate all’elaborazione delle informazionisonore o di equilibrio.

I sintomi possano variare da un paziente all’altro e comprendono capogiri, vertigini, senso di instabilità, nausea, vomito, calo/perdita dell’udito e acufene (ronzioo fischio nelle orecchie). L’approccio medico tipico prevede l’uso di farmaci che mirano a sopprimere i sintomi: diuretici per ridurre la pressione dei fluidi all’interno dell’orecchio, farmaci ad effetto rilassante per sopire l’attività nervosa alterata e per ridurre lo stato ansioso generato dal disturbo nel paziente; nei casi peggiori si può optare per interventi chirurgici di drenaggio o addirittura di distruzione di determinate terminazioni nervose.

Non di rado, i pazienti che si rivolgono ad uno Specialista in Chiropratica UpperCervical sono già stati visitati da otorini e neurologi e sottoposti ad esami dell’orecchio e dell’udito, a tac cerebrali e radiografie, a manovre posizionali di verifica della funzionalità degli otoliti, a cure farmacologiche di vario tipo, ma nonostante tutto questo non hanno ottenuto risultati significativi.

Lo Specialista UpperCervical, nella consapevolezza che vertigini e acufeni sono disturbi specificamente neurologici, opta per indagini mirate per verificare se la disfunzione non possa essere fatta risalire ad un’interferenza sull’attività dei nervi, causata da vertebre disallineate che schiaccianoe irritano le fibre nervose.

Vertigini o capogiri

La percezione della nostra posizione nello spazio (propriocezione) dipende da informazioni che il corpo raccoglie attraverso la vista, i meccanorecettori distribuiti in tutto il corpo (ed in particolare a livello della nuca, nelle mani e nei piedi) ma soprattutto dal sistema vestibolare collocato nell’orecchio che recepisce gli stimoli correlati con la gravità e l’accelerazione lineare ed angolare.

Se questo flusso di informazioni non raggiunge il cervello chiaro ed ininterrotto, il cervello riceve una percezione dell’orientamento spaziale distorta e non riesce a valutare la posizione del corpo nello spazio.La vertigine è proprio questo: un’erronea sensazione di movimento dove, pur senza che alcunché si muova, il paziente vede tutto girare intorno a sé (vertigine oggettiva) o si sente girare (vertigine soggettiva). Una distorsione analoga può essere alla base anche di sensazione di instabilità, di equilibrio alterato, incapacità di camminare in linea retta o senza appoggiarsi continuamente, la sensazioni di essere come “ubriachi” o “in barca”.

Acufeni

Gli acufeni sono un disturbo dell’udito che si manifesta come ronzio, fischio o sibilo nell’orecchio che può coinvolgere un solo orecchio o essere bilaterale. Alcuni pazienti lo percepiscono come un rimbombo in testa. Il volume può variare nel corso della giornata e può apparire più alto di notte, quando contrasta spiccatamente con il silenzio dell’ambiente. Questi rumori non sono inesistenti: sono effettivamente presenti nell’ambiente ma in condizioni normali il cervello li riconosce come informazioni acustiche inutili e le ignora. In condizioni di anomalia, invece, questa scrematura è inefficiente ed il rumore si sovrappone a tutti gli altri suoni.

La persistenza e l’aumento degli acufeni può essere snervante e ridurre fortemente la qualità della vita dei pazienti colpiti, fino al punto da indurre stati di depressione, anche perché gli acufeni sono un disturbo elusivo, non diagnosticabile con test oggettivi, non quantificabile. Non esiste una cura medica risolutiva ed il più delle volte ai pazienti non vengono prospettate altre alternative che sopportare o ricorrere a farmaci rilassanti o antidepressivi.

Sindrome di Menière

La sindrome di Menière è un disturbo caratterizzato da attacchi improvvisi e ricorrenti di vertigini debilitanti (sensazione di vortice), perdita dell’udito,acufene, nausea e vomito.Questi sintomi durano solitamente 2-3 ore, ma talvolta possono persistere per giorni. Un altro sintomo può essere una percezione diovattamento o pressione nell’orecchio colpito.L’udito tende a fluttuare, ma peggiora progressivamente negli anni. L’acufene, che può essere costante o intermittente, può peggiorare prima, durante o dopo un attacco di vertigini.

Nel libro “What Time Tuesday!” di James Tomasi, il Dr. Kevin Broome (di Hickory nel North Carolina), diventato poi dottore specialista nel tratto cervicale superiore, descrive la sua battaglia contro la malattia di Menière. Da bambino era così malato da cadere a terra con capogiri, perdita dell’udito, nausea e vomito incoercibile. L’unica soluzione medica che gli venne prospettata era la distruzione del nervo dell’equilibrio nell’orecchio interno ea seguito dell’intervento chirurgico non avrebbe mai più potuto correre, giocare a calcio, nuotare e, cosa peggiore, andare a dormire senza una luce perché l’intervento avrebbe distrutto il centro di controllo del suo organismo! Solo l’incontro con uno Specialista UpperCervical gli consentì nel giro di breve di recuperare l’udito ed una vita normale.

Correlazione tra il trattamento UpperCervical e disturbi dell’orecchio interno

Il nervo acustico ed il nervo vestibolare hanno origine comune nel tronco encefalico da cui emergono come un unico nervo (statoauctico) per poi biforcarsi e raggiungere l’orecchio. Di fatto, il tronco encefalico raggruppa i milioni di fibre nervose che collegano l’organismo con il cervello ed è il punto di passaggio obbligato di tutte le informazioni che dal corpo vanno al cervello e di tutte le istruzioni che dal cervello devono raggiungere il corpo. Questo importantissimo crocevia è protetto dalla prima vertebra cervicale Atlante (C1). Se per un trauma anche lieve avvenuto anche molti anni prima dell’insorgere dei sintomi la vertebra C1 è slittata fuori posizione, lo spazio ottimale per il tronco encefalico e per i nervi che si dipartono da esso può essere ridotto con diverse conseguenze: alterazione del flusso di segnali nervosi, rallentamento della circolazione sanguigna e dell’ossigenazione verso il cervello, riduzione della circolazione del fluido cerebrospinale.

I chiropratici UpperCervical hanno una formazione accademica specifica sulle dinamiche della colonna cervicale superiore e con indagini mirate sono in grado di individuare un Complesso di Disallineamento dell’Atlante, cioè di valutare se sussiste un’alterazione dell’assetto osseo tale da ostacolare la corretta funzionalità neurologica. Il nostro obiettivo non è quello di curare la disturbo dell’orecchio interno che è solo una conseguenza, bensì di correggere i disallineamenti vertebrali a monte che sono la causa della Disfunzione Neuro-Strutturale dell’udito e dell’equilibrio.

In ogni singolo caso sono necessari alcuni esami specifici che si possono eseguire presso le nostre struttureal fine di accertare l’eventuale presenza di una compressione al tratto cervicale superiore e valutare l’eventuale beneficio derivante dal riallineamento di tale tratto.

In caso di disturbi dell’orecchio interno si può chiedere un consulto con il Dr. Asif Khan contattando lo studio di Cattolica tramite i riferimenti presenti nella sezione contatti di questo sito.

Elaboreremo un programma di Trattamenti Chiropratici UpperCervical specifico per le esigenze di ogni paziente. Chiamate oggi stesso!

Bibliografia e studi clinici

  • VV., Anatomia Umana, Edi.Ermes, Milano, 1990, vol.3
  • Arky,R.,et al.,Physicians’Desk Reference (PDR). Montvale, NJ. Medical Economics Data Production Co.,2003.
  • Biesinger E. Vertigo Caused by Disorders of the Cervical Vertebral Column. Diagnosis and Treatment. Advances Oto-Rhino-Laryngology,1988; 39:44-51.
  • Bjorne A, et al. Cervical Signs and Symptoms in Patients with Meniere’s Disease: A Controlled Study. Cranio, 1998; 16(3):194-202.
  • Brandt T.Cervical vertigo- reality or fiction? AudiolNeurootol 1996 Jul-Aug;1 (4):187-96.
  • Claussen CF, Claussen E. Neurootological contributions to the diagnostic f ollow-up after whiplash injur ies. Acta OtolaryngolSuppl 1995;520 Pt 1:53-6.
  • Conrad B, Aschoff JC. Trauma as the cause of Meniere’s disease. Nervenarzt 1976 Jan; 47(1):49-50.
  • Davies RA, Luxon LM. Dizziness following head injury:a neuro-otological study.J Neurol 1995 Mar; 242(4):222-30.
  • Elies W.Cervical vertebra-induced hearing and equilibrium disorders.Recent clinical aspects. HNO 1984 Dec;32(12): 485-93.
  • Ericsen, K: Upper Cervical Subluxation Complex – A Review of the Chiropractic and Medical Literature. Baltimore, MD, Lippincott, Williams & Wilkins, 2004.
  • Erlandsson SI, Eriksson-Mangold M,Wiberg A. Meniere’s Disease:trauma, distress and adaptation studied through focus interview analyses. ScandAudiolSuppl 1996;43:45-56.
  • Fischer AJ,Verhagen WI,Huygen PL.Whiplash injury. A clinical review with emphasis on neuro-otological aspects. ClinOtolaryngol 1997 J un;22(3):192-201.
  • Fitz-Ritson D. Assessment of Cervicogenic Vertigo. JManipulativePhysiolTher, 1991; 14(3):193-198.
  • Fitzgerald DC. Head trauma: hearing loss and dizziness.J Trauma 1996 Mar; 40(3):488-96.
  • Galm R, Rittmeister M, Schmitt E. Vertigo in Patients with Cervical Spine Dysfunction. Eur Spine J,1998; 7(1):55-58.
  • Gimse R,Tjell C, Bjorgen IA. Disturbed eye movements after whiplash due to injuries to the posture control system. J ClinExpNeuropsychol 1996 Apr;18(2):178-86.
  • Godbout A. Structured habituation training for movement provoked vertigo after severe traumatic brain injury: a single case experiment. Brain Inj 1997 Sep; 11(9):629-41.
  • Gusev EI,Nikonov AA, Skvortsova VI. Treatment of vertigo in patients with vascular and traumatic cerebral injuries. ZhNevrolPsikhiatr Im S SKorsakova 1998;98(11):19-21.
  • Guyton, A.,Hall, J.:Textbook of Medical Physiology. Philadelphia,W.B.Saunders Co.,2000.
  • Hinoki M.Vertigo Due to Whiplash Injury:A Neurotological Approach. ActaOtolaryngol Suppl,1984;419:9-29.
  • HinokiM,Niki H. Neuroltological studies on the role of the sympathetic nervous system in the formation of traumatic vertigo of cervical origin.ActaOtolaryngolSuppl 1975;330:185-96.
  • Hornibrook J. Immediate onset of positional vertigo following head injury. NZ Med J 1998 Sep 11;111(1073):349.
  • Katsarkas A. Benign paroxysmal positional vertigo (BPPV): idiopathic versus post-traumatic.Actaotolaryngol 1999; 119(7):745-9.
  • Kessinger RC, Boneva DV.Case study:acceleration/deceleration injury with angular kyphosis.J Manipulative PhysiolTher 2000 May;23 (4):279-87.
  • Kortschot HW,Oosterveld WJ.Otoneurologic disorders after cervical whiplash trauma.Orthopade 1994 Aug;23(4):275-7.
  • Lehrer JF, Poole DC. Post-traumatic Meniere’s syndrome. Laryngoscope 1984 Jan; 94(1):129.
  • Mallinson AI, Longridge NS. Dizziness from whiplash and head injury: differences between whiplash and head injury.Am J Otol 1998 Nov;19(6):814-8.
  • Merior P, Marsot-Dupuch K. Imaging of p ost-traumatic tinnitus, vertigo and deafness . J Radiol 1999 Dec; 80(12 Suppl):1780-7.
  • Otte A, Ettlin TM, Fierz L. Cerebral findings following cervical spine distortion caused by acceleration mechanism (whiplash injury).Schweiz Rundsch med Prax 1996 Sep 3; 85(36):1087-90.
  • Palmer, B.J.: Chiropractic Clinical Controlled Research,Vol.XXV. W.B. Cronkey Company, Hammond, IN, 1996 (reprint).
  • Palmer, B.J.:Subluxation Specific,Adjustment Specific,Vol.XVIII. 1991 (reprint).
  • Paparella MM, Mancini F.Trauma and Meniere’ssyndrome. Laryngoscope 1983 Aug;93(8):1004-12.
  • Reker U. Function of Proprioceptors of the Cervical Spine in the Cervico-Ocular Reflex. HNO,1985; 33(9):426-429.
  • Said J, Izita A, Gonzalez A.Tinnitus and post-traumatic vertigo- a review. IntTinnitus J 1996;2:145-50.
  • Scherer H. Neck-induced vertigo. ArchOtorhinolaryngolSuppl 1985;2:107-24.
  • Schwaber MK,Tarasidis NG.Labyrinthitis ossificans following post-traumatic hearing loss and vertigo:a case report with antemortem histopathology.Otolaryngol Head Neck Surg 1990 Jan;102 (1):89-91.
  • Soustiel JF, Hafner H, Chistyakov AV. Trigeminal and auditory evoked responses in minor head injur ies and postconcussion syndrome. Brain Inj 1995 Nov-Dec;9(8):805-13.
  • Tjell C, Rosenhall U.Smooth pursuit neck torsion test:a specific test for cervical dizziness.Am J Otol 1998 Jan; 19(1):76-81.
  • Tierney,L.M.,et al.:Current Medical Diagnosis and Treatment 2005,44th Edition. New York,NY,Lange Medical Books, McGraw-Hill,2005.
  • Upper Cervical Diplomat Program, Sherman College of Straight Chiropractic. Spartanburg,SC,2005.