fbpx
Chiamate 389 5594700 per prendere un appuntamento o cliccate qui

DISTURBI DIGESTIVI

MIGLIAIA DI PAZIENTI AFFETTI DA DISTURBI DIGESTIVI HANNO TRATTO BENEFICIO DALLA TERAPIA UPPER CERVICAL

Per la maggior parte delle persone la digestione è un processo naturale scontato. La minoranza per cui invece non è così è però costituita da milioni di persone. Quando il processo della digestione diventa problematico, può dare luogo a svariati disturbi che possono interferire con ogni aspetto della vita quotidiana.L’elenco dei disturbi digestivi è ampio e diversificato ed annovera, fra gli altri, coliche, reflusso acido, nausea, vomito, stipsi, sindrome del colon irritabile e morbo di Crohn. Ciascuna sezione del tratto gastrointestinale tende ad avere i propri disturbi tipici, alcunisemplicemente fastidiosi, come il bruciore di stomaco, altri dolorosi o addirittura debilitanti come crampi, meteorismo, diarrea, stipsi o sanguinamento. Se il disturbo è persistente, può indebolire la salute complessiva di una persona e in taluni casi minacciarne la vita.

Trattamenti medici

Molte persone che soffrono di disturbi digestivi cercano di trattarne i sintomi con farmaci da banco.In caso di insuccesso, passano generalmente a trattamenti a base di steroidi o farmaci su prescrizione.Come ultima risorsa, può essere raccomandato un intervento chirurgico di riparazione o rimozione di una sezione del tratto digestivo.

La Physician’s Desk Reference evidenzia tuttavia che i farmaci usati per trattare i disturbi digestivi possono avere effetti collaterali potenzialmente pericolosi e che alcuni sono verosimilmente in grado di provocare ulteriori problemi digestivi.

Disturbi digestivi e il tronco encefalico

Ricerche ed evidenze cliniche continuano a indicare che il malfunzionamento del sistema nervoso può essere uno dei fattori chiave nello sviluppo di molti disturbi digestivi.Il controllo dell’apparato digerente infatti è sotto il controllo diretto del tronco encefalico tramite il nervo vago.

Il tronco encefalico è il centro di comando di numerose funzioni vitali, inclusa la digestione.Funziona proprio come una centralina telefonica, con migliaia di singoli fili o fibre nervose che ricevono e trasmettono segnali tra il cervello attraverso il tronco stesso fino ad ogni sistema corporeo, organo o cellula.

Il Complesso di Disallineamento dell’Atlante (prima vertebra del tratto cervicale superiore) può interferire con la funzione del tronco encefalico, diventando un fattore critico in molti problemi di salute, inclusi i disturbi digestivi.Questi disallineamenti possono essere causati da svariati eventi quali traumi, cadute, infortuni sportivi, incidenti automobilistici, trauma da parto e forti stress emotivi.

I disturbi possono manifestarsi subito dopo l’insorgere della compressione sui nervi, ma il più delle volte affiorano a distanza di mesi o anni, cioè quando il sistema non riesce più a sostenere l’inadeguatezza della comunicazione nel circuito cervello-organo e la funzionalità va in crisi.

Trattamento UpperCervical e Disturbi Digestivi

Uno SpecialistaUpperCervical non “tratta“ direttamente i disturbi digestivi, ma lavora sul riallineamento della struttura alta cervicale per decomprimere il tronco encefalico, consentendo così al corpo di recuperare la sua naturale reattività e al cervello di riarmonizzare la funzionalità digestiva. Se infatti l’inefficienza del sistema digestivo è un effetto di una carenza neurologica, bisogna attivarsi su ciò che causa il disturbo, non sul disturbo stesso, in quanto quest’ultimo è solo la conseguenza. Numerosi pazienti che si sottopongono a correzioni specifiche UpperCervicalrispondono positivamente, manifestando una riduzione dell’irritazione dell’innervazione del sistema gastrointestinale.

Chi attualmente soffrisse di disturbi digestivi può chiedere un consulto con il Dr. Asif Khan contattando lo studio di Cattolica tramite i riferimenti presenti nella sezione contatti di questo sito.

Elaboreremo un percorso di applicazioni con la metodica UpperCervical specifico per le esigenze di ogni paziente. Chiamate oggi stesso!

Bibliografia e studi clinici

  • Kiyomi K. Autonomic system reactions caused by the excitation of somatic afferents: study of cutaneo-intestinal reflex. In: Korr IM, ed. The neurobiologic mechanisms in manipulative therapy. New York:Plenum,1978:219-227.
  • KlougartN,NilssonN,Jacobsen J.Infantile colic treated by chiropractors:a prospective study of 316 cases.JMPT 1989;21:281- 288.
  • Knowles CH, Scott SM, Lunniss PJ. Slow transit constipation: a disorder of pelvic autonomic nerves? Dig Dis Sci 2001 Feb; 46(2):389-401.
  • Kobayashi H, Hirakawa H, Puri P.Is intestinal neuronal dysplasia a disorder of the neuromuscular junction? J PediatrSurg 1996 Apr;31 (4):575-9.
  • Korr IM. Sustained sympathecotonia as a factor in disease. In: Korr IM, ed. The neurobiological mechanisms in manipulative therapy.
  • New York: Plenum, 1978 229-268.
  • Korr,I. Proprioceptors and the Behavior of Lesioned Segments. In: Stark,E.ed.Osteopathic Medicine.Acton,Mass.:Publication Sciences Group,1975:183-199.
  • Krogh K,Mosdal C,Laurberg S.Gastrointestinal and segmental colonic transit times in patients with acute and chronic spinal cord lesions.Spinal Cord 2000 Oct;38(10):615-21.
  • Lembo T, Munakata J, Mertz H. Evidence for the hypersensitivity of lumbar splanchnic afferents in irritable bowel syndrome. Gastroenterology 1994 Dec;107(6):1686-96.
  • Lynch AC, Wong C, Anthony A. Bowel Dysfunction following spinal cord injury: a description of bowel function in a spinal cord-injured population and comparison with age and gender matched controls. Spina l Cord 2000 Dec; 38(12):717-23.
  • National Upper Cervical Chiropractic Association Guidelines and Standards of Care. NUCCA.Monroe:1997. Nilsson N. Infantile colic and chiropractic. Eur Jour Chiro 1985;33:264-265.
  • Palmer,B.J.:Chiropractic Clinical Controlled Research,Vol.XXV. W.B. Cronkey Company,Hammond,IN,1996 (reprint).
  • Palmer,B.J.:Subluxation Specific,Adjustment Specific,Vol.XVIII.1991 (reprint).
  • Roberts PJ,Morgan K,Miller R.Neuronal COX-2 expression in human myenteric plexus in active inflammatory bowel disease. Gut 2001 Apr;48(4):468-72.
  • Sanovic S,Lamb DP,Blennerhassett MG.Damage to the enteric nervous system in experimental colitis.Am J Pathol 1999 Oct; 155(4):1051-7.
  • Sato A, Schmidt RF. Somatosympatheitc reflexes: afferent fibers,centralpathways,discharge characteristics. Phys Review 1973;53:916-947.
  • Sato A. The somatosympathetic reflexes:their physiologic and clinical significance.In:Goldstein M,ed.The research status of spinal manipulative therapy.Washington, DC:Government Printing Office. 1975:163-172.
  • Sato, A.The somatosympatheticreflexes:their physiological and clinical significance.In: Golstein M, ed.The research status of Spinal Manipulative Therapy.Washington D.C.:Government Printing Office 1975:163-172.
  • Settipane GA, Pudupakkam RK, McGowan JH. Corticosteroid effect on immunoglobins.J Allergy ClinImmunol 1978;62:162- 166.
  • Sharkey KA, Kroese AB.Consequences of intestinal inflammation on the enteric nervous system:neuronal activation induced by inflammatory mediators.Anat Rec 2001 Jan 1; 262 (1):79-90.
  • Sweat,RW.Atlas Orthogonal Board Certification. Life University,Atlanta,GA,2005.
  • Tierney, L.M., et al.: Current Medical Diagnosis and Treatment 2005, 44th Edition. New York, NY, Lange Medical Books, McGraw-Hill,2005.
  • Tomasi J. What Time Tuesday? International Christian Servants,Oklahoma City,OK. 2005
  • Tomita R, Munakata K, Tanjoh K. Role of non-adrenergic non-cholinergic inhibitory nerves in the colon of patients with ulcerative colitis.J Gastroenterol 1998 Feb;33(1):48-52.
  • Upper Cervical Diplomat Program,Sherman College of Straight Chiropractic. Spartanburg, SC, 2005.
  • Van Dijk H, Jacobse-Geels H. Evidence for the involvement of corticosterone in the ontology of the cellular immune apparatus of the mouse. Immunology 1978;35:637-642
  • Vanner S, Surprenant A. Neural reflexes controlling intestinal microcirculation.Am J Physiol 1996 Aug;271 (2 Pt 1): G223-30.
  • Wick, G., et al. Immunoendocrine Communication via The Hypothalamus-Pituitary-Adrenal Axis in Autoimmune Diseases. Endocrine Reviews.14:539-563,October 1993